FANDOM


Al fine di porre i presupposti per una soluzione soddisfacente rapida, quanto possibile, al problema della sicurezza degli edifici in cui sono allocate la Scuola dell'Infanza di Rustega, le scuole primarie “Cesare Battisti” e “Giuseppe Ungaretti” e la scuola scuola secondaria di I° grado “Giuseppe Parini” dell'Istituto comprensivo “Giuseppe Parini” di Camposampiero; di porre termine alle divisioni tra le diverse componenti politiche e tra componenti politiche e società civile e di poter dunque dare inizio ad un percorso comune e concordato sul futuro del polo scolastico della scuola dell'obbligo e dell'infanzia di Camposampiero, si propone la nomina di una commissione straordinaria permanente composita dai diversi gruppi interessati alla soluzione.



COMPOSIZONE DELLA COMMISSIONEModifica

Si suggerisce a tal scopo che la commissione sia così composita:

  • n° 2 componenti nominati da ciascun gruppo consiliare
  • n° 2 rappresentanti dei genitori della Scuola dell'Infanzia di Rustega
  • n° 2 rappresentanti dei genitori della Scuola Primaria “Cesare Battisti”
  • n° 2 rappresentanti dei genitori della Scuola Primaria “Giuseppe Ungaretti”
  • n° 2 rappresentanti dei genitori della Scuola Secondaria di I° grado “Giuseppe Parini”

Ad essi si aggiungeranno il Sindaco, l'Assessore con delega alle scuole e l'Assessore con delega ai lavori pubblici.

La scelta dei componenti rappresentanti dei gruppi consiliare avviene per nomina da parte del Presidente del Consiglio Comunale di Camposampiero (del Sindaco con la Presidenza vacante) che la esegue su indicazione vincolante dei capigruppo dei gruppi consiliari. Le scelte non sono sindacabili né dal Consiglio né dalla Giunta comunale, a parte nel caso di soggetti con condanna passata in giudicato. Non possono essere nominati il Sindaco né i titolari di un assessorato.

La scelta dei rappresentanti dei genitori avverrà tramite elezioni nelle scuole di riferimento. Ciascun genitore con almeno un figlio iscritto avrà diritto di voto attivo per l'istituto in cui il figlio è iscritto, nonché diritto di voto passivo, salvo fatto per i soggetti con condanna passata in giudicato o soggetti in carica come Sindaco di Camposampiero ovvero titolari di un assessorato. Nel caso di genitore avente almeno due figli iscritti in diversi istituti, gli sarà riconosciuto diritto di voto attivo in tutti gli istituti in cui almeno un figlio è iscritto, viceversa non potrà essere candidato in più di un istituto. Al termine degli scrutini il Sindaco verifica che gli eletti abbiano tutte le caratteristiche richieste (almeno un figlio iscritto nell'istituto in cui è avvenuta l'elezione, l'assenza di condanne passate in giudicato o la titolarità di una carica di giunta comunale) e ratifica le nomine di due candidati per ogni istituto a seconda dei voti ricevuti. Nel caso in cui si verificasse la non eleggibilità di uno o di entrambi gli eletti di un istituto, il Sindaco nominerà componente della commissione il primo degli esclusi.

I componenti non sono sostituibili nel corso del loro mandato, se non in caso di dimissioni da presentarsi scritte al Presidente della Commissione o nel caso in cui uno dei componenti viene condannato in via definitiva per reato penale o infine l'assunzione di una carica di giunta comunale durante il mandato. Nel caso di dimissioni di un componente scelto da un gruppo consiliare, sarà il Presidente del Consiglio Comunale a nominarne il sostituto sentito il parere vincolante del gruppo consiliare di riferimento del componente dimesso. Per quanto riguarda i rappresentanti dei genitori, a seguito delle dimissioni di uno di questi, il Sindaco nomina il primo dei non eletti dell'istituto di riferimento a sostituirlo. In ogni caso il dimissionario non lascerà la commissione prima che il sia nominato il sostituto. La nomina del sostituto non può eccedere i 30 giorni dalla formalizzazione delle dimissioni. Nel caso di condanna definitiva occorrente ad uno dei componente o l'assunzione da parte dello stesso di una carica di giunta, il Sindaco ne delibera la decadenza e avvia le procedure di sostituzione come sopra. La decadenza è immediata nel caso di avvenuta condanna, mentre è effettiva dal momento della nomina del sostituto nel caso il soggetto assuma una carica di giunta comunale, la nomina del sostituto deve avvenire entro 30 giorni dalla decadenza.


Tempi di esecuzioneModifica

La giunta procede alla delibera di formazione della commissione e la comunica al Consiglio Comunale alla prima occasione per la votazione e per le eventuali necessarie modifiche allo Statuto Comunale. Entro 60 giorni dalla votazione del Consiglio i gruppi consiliari indicano le proprie preferenze alla Presidenza del Consiglio (ovvero al Sindaco in caso di Presidenza vacante) che ratifica i nominativi. Entro 30 giorni dalla votazione l'Assessore con delega all'istruzione procede alla comunicazione ai genitori della formazione della commissione attraverso un incontro con questi (o i loro rappresentanti) ed entro 60 giorni dalla comunicazione avvengono le elezioni dei rappresentanti negli istituti di riferimento. Nei primi 20 giorni di questi, i genitori interessati possono formalizzare la propria candidatura direttamente all'Assessore che il ventunesimo giorno pubblicherà le liste dei candidati divise per istituto.Entro 30 giorni dalle elezioni avviene la prima riunione della commissione e da quel momento non potranno trascorrere più di 60 giorni tra una sessione e l'altra della commissione, eccezione fatta per i mesi di luglio e agosto. La successiva sessione viene decisa dal Presidente della Commissione prima si sospendere la sessione, su consiglio dei diversi componenti.

Entro 5 giorni lavorativi dalla sessione, il segretario protocolla il verbale e lo invia al Sindaco, all'Assessore all'Istruzione e all'Assessore ai Lavori Pubblici che riferiscono in Giunta e in Consiglio Comunale alla prima occasione.

La commissione rimane in carica per 2 anni dal giorno di insediamento e al termine del mandato il Consiglio Comunale discute e vota il proseguo o il non proseguo della commissione in base alle necessità e ai risultati raggiunti. I componenti rimangono in carica per tutti e due gli anni, fatta eccezione per il Sindaco e gli assessori nel caso vengano sostituiti per elezioni amministrative o altri motivi.

MissionModifica

  • La Commissione Straordinaria per la Scuola avrà i compiti di:
  • nominare un Presidente, un Vice-Presidente ed un Segretario (cariche non sovrapponibili con quelle di giunta comunale);
  • appurare l'effettivo stato di tutti gli edifici adibiti ad uso scolastico del comune di Camposampiero attraverso la consulenza dei tecnici comunali e di altre figure, ricorrendo a formale richiesta al Consiglio Comunale nel caso del bisogno di spesa pubblica;
  • sulla base del rapporto sullo stato degli edifici dovrà indicare un piano di interventi indicando anche il grado d'urgenza con cui intervenire;
  • proporre eventuali soluzioni di found-raising o piano di iniziative di pressione sugli enti superiori al comune per la realizzazione degli interventi necessari;
  • monitorare l'azione della giunta e lo stato dei lavori iniziati e da iniziare.


Modus operandiModifica

La commissione si riunisce non meno di una volta ogni 60 giorni, la sessione è valida se i presenziano almeno i 2/3 degli aventi diritto. La commissione nomina un Presidente, un Vice-Presidente e un segretario con maggioranza qualificata. In causa di assenza contemporanea di Presidente e Vice-Presidente, la sessione non è valida. In caso di assenza del segretario il verbale è redatto dal Vice-Presidente, in caso di assenza anche del Vice-Presidente, il Presidente nomina un altro componente che ne fa le veci. Nel caso in cui uno, tra Presidente, Vice-Presidente e segretario manchino per tre sessioni consecutive decade dalla carica e la commissione procede all'elezione di un sostituto ovvero alla conferma dello stesso a maggioranza qualificata. Egualmente nel caso in cui un componente, non avente una carica specifica, rimane assente per almeno cinque sessioni consecutive, il Presidente chiede alla commissione di votarne la decadenza a maggioranza qualificata. Se la commissione vota la decadenza, il Presidente la comunica entro cinque giorni lavorativi al Sindaco che procede alla nomina di un sostituto. La commissione prende le proprie decisioni a maggioranza assoluta dei componenti presenti. La commissione può dotarsi di un regolamento non in contrasto con quanto indicato nella delibera del Consiglio Comunale e dev'essere approvato dallo stesso Consiglio alla prima occasione, in toto o respingendolo con le indicazione delle criticità riscontrate. La commissione può incaricare uno dei componenti o terzi a svolgere compiti specifici, non senza l'approvazione del Consiglio Comunale nel caso sia necessario un intervento di spesa pubblica. Il Presidente della Commissione o il Segretario possono richiedere di essere sentiti in Consiglio Comunale o in Giunta Comunale nel caso lo ritengano necessario. Il Sindaco e gli assessori facenti parte della commissione non hanno diritto di voto e non conteggiano ai fini del raggiungimento del quorum dei 2/3 per la validità della sessione, partecipano come informatori dell'azione della giunta comunale e consulenti per i componenti della commissione. La commissione riferisce alla giunta e al Consiglio Comunale delle proprie risoluzioni, ugualmente la giunta comunica alla commissione di ogni decisione inerente la scuola e mette a disposizione della stessa ogni documento che essa ritenga necessario conoscere. Il servizio presso la commissione da parte dei componenti è a titolo gratuito, il comune rimborsa le spese solo nel caso in cui queste fossero precedentemente autorizzate dal Consiglio Comunale. Non meno di una volta all'anno il Presidente convoca una sessione aperta al pubblico per informare la cittadinanza sullo stato dei lavori, alla serata partecipa l'intera commissione, ma non i componenti della giunta comunale al fine di garantire la massima oggettività.


Alcune specificazioniModifica

La commissione è formata in maniera paritaria dai gruppi consiliari e dai rappresentanti dei diversi istituti serve a garantire il dibattito tra diversi gruppi nessuno in grado di avere la maggioranza da solo (motivo per cui vengono esclusi dal voto i rappresentanti della giunta comunale) e garantire equità e oggettività da parte della commissione, nonché decisioni equilibrate e non motivate da ideologia politica. Per questo è anche consigliato ai gruppi consiliari scegliere persone moderate e qualificate dalla loro esperienza della questione, più che per la loro posizione politica. Inoltre è garanzia che il lavoro della commissione non subirà ripercussioni dalle elezioni amministrative del 2014.